DICHIARO di aver raggiunto la maggiore età o di aver compiuto almeno il 14° anno di età. ACCONSENTO al trattamento dei dati personali richiesti secondo le modalità e le finalità indicate nella Privacy Policy messa a mia disposizione. CONFERMO, inoltre, di essere a conoscenza delle modalità di revoca del trattamento, indicate in modo chiaro nel documento sopra citato.

    DOTT.SSA DANIELA CARDELLA

    Specialista in Fisioterapia

    CURRICULUM VITAE

    TRATTAMENTI DI FISIOTERAPIA

    Pavimento pelvico e postura

    Il Pavimento pelvico è una struttura anatomica posta alla base del bacino che spesso può andare incontro a disfunzioni e problematiche. Tali condizioni variano in base alla eziologia e possono insorgere in diverse fasi della vita di una persona, inoltre colpiscono circa un quarto della popolazione adulta per la maggior parte donne. Le manifestazioni cliniche variano, manifestandosi con sintomatologia lieve o moderata come l’incapacità di contenzione urinaria da piccoli sforzi (tosse, starnuti, sollevamento pesi..) o anche senso di gonfiore e pesantezza al basso ventre, segno di iniziale prolasso d’organo. È importante poterne parlare, prendere coscienza del problema e saperlo affrontare con le giuste strategie affinché questo non comprometta la qualità di vita di chi ne sia afflitto.  Tali condizioni possono essere conseguenti al parto naturale, ad intervento addominali e del pavimento pelvico, a traumi diretti, alla delicata fase della menopausa ed il soggetto lamenta difficoltà alla deambulazione, alla corsa, con conseguente sensazione di disagio nel praticare attività collettive.

    Diventa pertanto molto importante prendere coscienza della problematica e affrontare un percorso terapeutico.

    Successivamente ad una approfondita valutazione il fisioterapista deve porsi l’obiettivo di formulare il giusto percorso terapeutico che comprenda esercizi di allungamento, percezione e rinforzo della regione coinvolta addomino pelvica, esercizi utili al miglioramento del controllo della contenzione urinaria, così da permettere aiutare il risveglio di questa muscolatura pelvica “dormiente” per ristabilire il corretto equilibrio psicofisico.